La fortuna di avere dei ricordi

Nell’era moderna pare che tutti abbiano una vita fantastica, stimolante e ricca di avvenimenti e di emozioni talmente notevoli da essere continuamente immortalate, raccontate e divulgate al mondo. Quindi foto a manetta, stories, selfie senza sosta.

La verità è che c’è davvero poco da dire in generale, figuriamoci in un momento come questo dove chi può telelavora, isolandosi il più possibile dal mondo per paura dei contagi. In questi casi rimangono poche cose se non si hanno passioni radicate e condivise.

Fortunatamente non è il mio caso, forse il nostro caso. Qui (o dall’app se volete sentirlo meglio) cerco di spiegare meglio quanto i ricordi siano oramai prossimi a diventare la tematica principale di un mondo frenetico, frettoloso e superficiale. Specialmente se si è così fortunati da averne tanti.

About the author

JC

Classe 1980. Giornalista pubblicista dal 2005. Digital Strategist e Papà Metallaro dal 2012. Malato di Musica da sempre. Ho lavorato per Onstage Magazine (2011-2020) e fondato Outune.net (2006-2016).

View all posts